Grazie alla Musica

Cari ascoltatori,

siamo tutti confinati nel nostro appartamento, o attico o villa (chi lo sa?) durante questa pandemia di  Coronavirus.

Per fortuna, c’è LA MUSICA. Sono felice di avere qualcosa da fare durante la quarantena per Coronavirus. Volevo offrire più varietà musicale su Milano Lounge Radio, per cui ho utilizzato questo tempo per selezionare ed aggiungere circa 300 nuove traccie, incluso classici del format Chillout/Lounge degli anni 90 e addirittura degli anni 80, come per esempio Incognito, William Pitt, Ultra Nate, Swing Out Sister, Mike Francis, Sade, Enigma, Matt Bianco, Grace Jones… Giusto per menzionarne alcuni.

Riscopri i grandi classici chillout/lounge degli anni 80 e 90 su Milano Lounge
Riscopri i grandi classici chillout/lounge degli anni 80 e 90 su Milano Lounge

E, naturalmente, devo ringraziare voi, cari ascoltatori di Milano Lounge Radio, per le vostre donazioni e parole di supporto e incoraggiamento. Ogni volta che suono una traccia, mi sento come se fossi con voi in una stanza grande grande, anche se sarà difficile realizzarlo davvero in questi tempi, siamo tutti insieme, grazie alla musica che ci unisce.

E mi piace anche viaggiare con la mente, ogni traccia mi dà differenti sensazioni e mi porta in un posto nuovo, a volte su un pianeta nuovo.

Ricordate che potete suggerire canzoni da aggiungere alla rotazione musicale, tramite la playlist collaborativa di Spotify Milano Lounge Radio, disponibile qui sotto:

Condividi:

Milano Lounge : un cocktail di suoni, colori, profumi e sapori

Ciao a tutti,

la musica di Milano Lounge è una selezione di Chillout, Lounge, Downtempo, Ambient, Smooth Jazz e World Music. Da qualche tempo, però, sto selezionando e introducendo nelle playlist della radio anche tracce più Uptempo, per esempio Electro e Deep House, e anche alcune tracce cantate, non solo strumentali.

Ogni giorno ne aggiungo alcune, ne tolgo altre, ne rimetto qualcuna che avevo tolto ecc, perchè voglio che la musica di Milano Lounge – nonostante passi con disinvoltura da un genere all’altro e da un’atmosfera all’altra, senza tener conto dei BPM –  sia come un cocktail di suoni, colori, profumi e sapori, dove ogni traccia permetta all’ascoltatore di fare un piccolo viaggio, di godere di un momento di distacco dalla frenesia in cui di solito sono coinvolti tutti coloro che abitano a Milano o in una grande città.

Buon ascolto,

Roberto

Il Sabato piove sempre a Milano...
Il Sabato piove sempre a Milano…

 

Condividi: